Tutto un Cosmo dentro

Tutto un Cosmo dentro

Non conoscevo Cosmo se non per sentito dire, ma tempo fa sono inciampata in questo video, con alcune sue dichiarazioni prima di un evento, forse un concerto.

Cosmo, nome d’arte di Marco Jacopo Bianchi, ci racconta dal palco quanto sia complessa e difficile la società in cui viviamo. Una società che vive di competizione e apparenze, dove conti solo se sei un conto, dove l’auterovelozza viene misurata a cuori e “mi piace” e il valore a numero di follower.

Una società in cui stupide storie su Instagram sembrano essere il senso della vita di ciascuno e orribili selfie la misura in cui ci mostriamo agli altri. E se non ci mostriamo non siamo nessuno, non contiamo in questa società. E se per caso non arriviamo dove ci sono loro non solo non siamo nessuno, ma è anche colpa nostra se non siamo.

Se non lavoriamo, se siamo poveri, se non ci basta lo stipendio, se viviamo ancora in affitto. È colpa nostra. Invece è bravo chi ha denaro anche se fino a ieri era nei centri sociali, è bravo chi fa beneficienza ogni tre secondi e lo sbandiera ai quattro venti a bordo di una Lamborghini o mentre mostra il suo super attico a CityLife o come si chiami.

Sempre più spesso, mi trovo a pensare la stessa cosa e mi piace l’idea di salvare questo video comunicativamente potente, anzi potentissimo.

https://fb.watch/8uJPcZTl6i/

I commenti sono chiusi